Java Enterprise Tutorial – Named query parametriche

Nel seguente tutorial non porremo troppa attenzione sugli aspetti riguardandi l’IDE o la creazione di file e classi ma solo sugli aspetti più dettagliati del codice, di conseguenza si presume che il lettore dovrebbe già avere una conoscenza di base del contesto Enterprise.
Se volete un’infarinatura potete seguire il tutorial base sul mio blog.
Vi ricordo, inoltre, che il progetto di esempio e tutti i riferimenti all’ambiente di sviluppo sono da riverirsi a l’IDE Netbeans 6.5.

Dopo l’introduzione alle named query, vediamo più nel dettaglio il loro funzionamento.
Nel caso volessimo una classica query di selezione, discriminando in base ad uno o più valori, possiamo preparare una named query personalizzata che accetti i parametri necessari.
Facendo sempre riferimento al progetto oggetto del tutorial di introduzione alle named query modifichiamo l’entity bean “Users” aggiungendo una named query per eseguire una LIKE sul campo name.
Sriviamo la query in questo modo aggiungendola alla lista delle altre named query ricordandoci che il separatore tra le named query è la virgola.Read more

Java Enterprise Tutorial – Introduzione alle Named Query

Questo tutorial è il naturale proseguimento di “Getting Started 2a parte” si basa sullo stesso progetto e ne andrà ad arricchire il contenuto.
Se non avete seguito i tutorial precedenti potete farlo, oppure scaricare semplicemente il progetto base risultato del tutorial Getting started.
Correlato al progetto vi è anche un dump mysql del db usato nei tutorial che potete scaricare cliccando qui.

Nel seguente tutorial affronteremo come “eseguire delle query” in un contesto enterprise e quindi come ottenere degli elenchi di entità.

Un entity beans può contenere delle query già scritte che possono essere chiamate sull’oggetto tramite un nome univoco all’interno del contesto del container.Read more

Java Enterprise Tutorial – Getting Started – Parte 2

Ora creiamo un package nel nostro modulo EJB facendo click destro su source Packages e poi su New->Package e chiamiamolo entity; successivamente, facendo click destro sul package appena creato, selezioniamo create new entity class from databases.
Nella finestra di dialogo selezioniamo la tabella user e clicchiamo su add e poi next, a questo punto ci viene chiesto come vogliamo chiamare la classe e in quale package posizionarla, lasciamo tutto di default e clicchiamo su finish.
Questa che è stata creata non è altro che una classe java che rispecchia la nostra tabella Users del DB, è per questo motivo che questi tipi di classi vengono chiamate Entity Bean proprio perchè rappresentano entità, ovvero copie in memoria di dati persistenti in una struttura dati.
Analizzando il codice potrete vedere che, a differenza di una normale classe java, sono presenti delle annotazioni precedute dalla @: queste servono a comunicare all’application server, e di conseguenza al gestore della persistenza, il legame tra l’oggetto e la relativa tabella del db.

firstclass

Non possiamo entrare nel dettaglio delle annotazioni altrimenti ci dilungheremmo troppo: chiunque volesse soddisfare la propria curiosità si può rifare alla specifiche sun.
Ora creiamo il nostro primo session Bean, creiamo un nuovo package cliccando con il tasto destro su source->packages e chiamiamolo session, facciamo click destro su quest’ultimo e selezioniamo New->Session Bean.Read more

Java Enterprise Tutorial – Getting Started – Parte 1

Prima di iniziare bisogna attrezzarsi del necessario, innanzi tutto un DBMS, nel mio caso MySQL se non ne siete forniti scaricate il Server e magari anche il GUI Tool dal sito mysql.com.

MySQL community server
http://dev.mysql.com/downloads/mysql/

MySQL guiTools (interfaccia grafica per gestire i database)
http://dev.mysql.com/downloads/gui-tools

Ora forniamoci della JDK 6.0 o successive scaricandola dal sito sun
http://java.sun.com/javase/downloads/index.jsp

Ed ora possiamo scaricare il nostro IDE Netbeans dal sito ufficiale, mi raccomando bisogna scaricare le versioni con il Bundled server GlassFish v2, vi consiglio di scaricare la versione completa di tutti i supporti così da non avere problemi.
http://www.netbeans.org/downloads/index.html

Partiamo dal livello base.
Ogni sistema distribuito che si rispetti deve essere accessibile da una serie di utenti con diversi permessi e responsabilità, quindi quello che faremo è creare il nostro semplice database di utenti con il minimo indispensabile.
Qui potete scaricare il dump SQL da importare con MySQL Administrator oppure ricreare la struttura come illustrata di seguito:

dump

Ora apriamo Netbeans e andiamo su File->New Project, selezioniamo la cartella Java EE e nella finestra di destra selezioniamo la prima voce “Enterprise Application” e clicchiamo su next.
Ora diamo un nome al nostro progetto, nel mio caso “MyFirstJEE”,  ignoriamo la voce “Use dedicated folder for storing libraries”, spuntiamo la casella “Set as main project” per lavorare più comodamente e clicchiamo next.Read more